Home Dichiarazioni Ufficiali Poker Sportivo 2.0 vs Poker “ricetta classica”: qual è il piatto più...

Poker Sportivo 2.0 vs Poker “ricetta classica”: qual è il piatto più ricco?

“Il mio poker è differente!“. Se potessero lanciare un messaggio forte e chiaro a tutti i giocatori di poker residenti nello Stivale Italiano, siam certi che i vertici della F.I.G.P. parafraserebbero lo slogan di un vecchio spot pubblicitario (“La mia banca è differente“) per far capire a tutti l’importanza del progetto “Poker Sportivo 2.0″, il progetto promosso dalla Federazione Italiana Gioco Poker che rilancia il poker sotto una nuove luce i cui raggi si chiamano sport, aggregazione, agonismo e divertimento.  Perché il poker sportivo della F.I.G.P. è differente? Dal “Why” ai vari “Because” in un avvincente “scontro pokeristico” con tanto di esempio….     

Poker “Classico”

Poker Sportivo 2.0

1 - In un torneo di poker “classico” che va in scena in una sala da gioco “classica” partecipano pochi players con un buy-in alto. Esempio: 200 players e 500€ di buy-in. 1 - In un torneo di poker SPORTIVO che va in scena in una A.S.D. F.I.G.P. la quota di iscrizione è più bassa (preferiamo usare il termine iscrizione perché fa più sportivo) ma il numero di giocatori partecipanti è decisamente più alto. Esempio: 2000 players e 50€ di iscrizione.
2 - In una sala da gioco “classica”non sempre regnano la trasparenza e la correttezza sull’ammontare dei montepremi… 2 - In una sala da gioco F.I.G.P. regnano sempre TRASPARENZA e correttezza: la quota di iscrizione è X ed il montepremi è Y. Nessun “fenomeno” negativo può alterare le cifre sportive stabilite ad inizio torneo.
3 - Nel poker “classico”un player è costretto, nella maggior parte dei casi, a mettersi in viaggio per disputare un torneo di poker ed è chiamato a sobbarcarsi sia le spese del viaggio che quelle del soggiorno per giocare “fuori casa”: se il player è bravo e fortunato ottiene un piazzamento importante e rientra nelle spese, altrimenti i conti…non quadrano. 3 - Nel poker SPORTIVO un player ha la possibilità non solo di giocare nel circolo del proprio paese ma, quando è chiamato a mettersi in viaggio per disputare una tappa o una finale “fuori casa”, non deve sobbarcarsi nessun tipo di spesa e, se è bravo e fortunato, impingua il proprio bottino.
4 - In tante sale “classiche” si gioca cash game, vietato da qualsiasi normativa e che implica una catena di conseguenze negative: dall’ambiente, all’aggressività delle persone, al rifiuto della maggior parte dei giocatori occasionali di accedere a queste sale. 4 - Nelle sale FIGP si gioca solo torneo, ci si diverte a scoprire chi è il più forte, si rappresenta la propria sala o città o regione nei campionati nazionali, si fa amicizia e la SOCIALITA’ e’ alla base dell’attività di club.

 

Grand Prix F.I.G.P., l’esempio più “calzante”…. Il Grand Prix targato F.I.G.P. è un torneo INNOVATIVO:  un giocatore, per partecipare a questo evento, non anticipa neanche un centesimo di tasca propria ed il player che si mette in viaggio per disputare la finale regionale non deve sobbarcarsi nessun tipo di spesa perché questa viene interamente “coperta” dal premio minimo che il player si vede consegnato in anticipo dalla Federazione. Un player, invece, che deve spostarsi, per esempio, da Bari a Como (nomi di località scelti a caso) per disputare un torneo di poker, deve pagare sia le spese di viaggio che quelle del soggiorno e per rientrare nelle proprie spese deve, per forza di cose, classificarsi nelle primissime posizioni. Il player F.I.G.P., inoltre, che ha  la fortuna e bravura di qualificarsi alla finale nazionale del Grand Prix, ottiene un rimborso spese di circa 600 euro per andare a Milano, sede della finalissima: se arriva a premio aumenta il proprio bottino mentre se non arriva a premio fa rientro “in patria” con la soddisfazione di aver provato un’esperienza unica senza aver sborsato neanche un centesimo. La finale del 12-13 luglio in programma nelle sede dell’Olimpia Brianza Poker di Lissone, è “a base” UNICAMENTE di poker sportivo: in sala, infatti, sono assenti sia le slot machine, che la roulette ed il blackjack perché nelle ASD F.I.G.P. si gioca solo a poker ed in base ad un precisa etica sportiva. Conclusione… Adesso avete capito perché il poker sportivo è DIFFERENTE? Sinceramente: quale dei due tipi di poker è più conveniente?  Player italiano: fatti furbo! Iscriviti alla F.I.G.P. ed inizia a giocare sotto casa in una delle oltre 60 ASD già attive sul territorio.

NESSUN COMMENTO