Home News Lottery Stars. Cronaca di una morte annunciata

Lottery Stars. Cronaca di una morte annunciata

Nel celebre Romanzo di Marquez la vittima si chiama Santiago nella nostra storia Poker.

Che questo sport sia più simile a una lotteria lo sentiamo dire ai tavoli da molti anni soprattutto dai “donk” e dai neofiti di mezzo mondo. Ma che una poker room ne facesse addirittura il proprio grido di battaglia sembrava impensabile fino a poco tempo fa.
Si tratta di un “outing” senza precedenti.Un vero colpo inferto al movimento del poker mondiale. La casa della grande picca, da tempo criticata per la sua intenzione di aprire le proprie porte al casinò e alle scommesse sportive, con i super spin and go milionari sembra essersi arresa definitivamente alla tendenza dell’intrattenimento on-line, decretando ,almeno sul web, la morte del poker sportivo. Una morte lenta e piena di agonia ma da diverso tempo annunciata. Numeri alla mano gli spin and go sono stati provvidenziali. Hanno riavvicinato tantissimi utenti disillusi, giocatori inesperti che erano stanchi di trasferire i propri fondi a professionisti sempre più aggressivi e numerosi. E visto che le poker room si nutrono di cifre, a 9 zeri aggiungerei, non potevano far migrare gli amanti dell’azzardo verso più allentanti giochi di “fortuna”. Dove hai sì probabilità di vincere pari a 0 ma almeno come contro partita hai il miraggio di premi milionari.
Ed ecco la geniale idea: creare Lotterie da 1.000.000 $ camuffate da tavoli sit and go flash.

Perché di lotterie si tratta e nemmeno così convenienti. Infatti bisogna assegnare 200.000 volte il minimo premio di 10$ ( 5$ x 3 giocatori = 15$ -10$ 5$ di accantonamento) per accumulare un jackpot da un milione, senza considerare che al secondo e al terzo andrebbero comunque 100.000$ quindi altri 40.000 spin and go con montepremi da 10$. E Saliamo a 1su 240.000. Questo se il sistema fosse perfetto e la poker room non incassasse nulla. Ma visto che non fa beneficienza, non volete lasciare almeno un margine del 30% ripartito in guadagno dell’azienda e quello dell’erario?? Aggiungiamo così altri 72.000 spin and go.
Quindi mio caro “fish” devi giocare almeno 312.000 spin and go da 5$ per sperare che ti compaia la la tanto bramata scritta. Finita qui dirai? Eh no! Poi ha sempre il 33% di possibilità di vincere nel restante 67% circa vedrai rientrare solo di 1/6 il tuo investimento.

Con questa astuta mossa di mercato Pokerstars sta decretando la fine del poker sportivo on-line,una fine annunciata e da tempo sbandierata ai quattro venti dai puristi del gioco. Ma da una morte si può generare vita. Il movimento mondiale del poker sportivo,che spero trarrà da questo una morale, si dovrà in fretta dimenticare dei programmi di supporto, dei calcoli assistiti e delle statistiche in tempo reale tornando a pensare con la propria testa.
Abbandonando così le lotterie e riportando, si spera, questo bellissimo sport ai suoi antichi splendori.

Autore: Tenaglia Francesco, Club degli Assi – Osimo

1 COMMENTO

Risposta