Home I 10 comandamenti del “Poker Sportivo 2.0”

I 10 comandamenti del “Poker Sportivo 2.0”

  1. Divieto assoluto di utilizzo di denaro contante: nelle Associazioni Sportive Dilettantistiche F.I.G:P scompare il circolo di denaro contante grazie all’introduzione della Em@ney Card e l’unica formula di gioco praticata nei circoli è il Torneo, la sola e unica religione del pokerista sportivo. L’utilizzo del denaro contante scompare sia per quel che concerne l’iscrizione ai tornei sia per quel che riguarda l’accredito dei premi finali in caso di vittoria.
  2. No al Cash Game, si al Freezeout: questa la formula di gioco adottata dalla F.I.G.P. che mette il denaro sullo sfondo e lo sport e l’agonismo in primissimo piano. Nelle A.S.D. si gioca all’insegna dell’agonismo e dello sport sano, si lotta per primeggiare e portare a casa la “gloria”, non solo i premi.
  3. Addio alle formule Re-buy e Addon: la “Costituzione” della F.I.G.P. non le contempla e le vieta categoricamente.
  4. Il cosiddetto buy-in, l’importo di iscrizione, è molto contenuto per permettere a tutti i giocatori di sedersi ai tavoli da gioco e sfidare i propri avversari/amici e sognare una vittoria che regalerebbe al pokerista sportivo la possibilità di scalare le classifiche provinciali, regionali e nazionali e sognare di diventare un “personaggio famoso” del panorama del poker live italiano.
  5. Orari di gioco sostenibili: dimenticate le nottate passate ai tavoli e le uscite dai circoli all’alba. Quello rappresenta il passato. Con il “Poker Sportivo 2.0” vengono introdotti nuovi orari di gioco che danno la possibilità a tutti, e quindi anche a chi lavora, di giocare e divertirsi senza dover incappare in orari insostenibili. Con il “Poker Sportivo 2.0” si gioca “alla luce del sole” e si gioca in orari sportivi: di mattina, pomeriggio, prima serata e soprattutto di domenica, come una classica partita di calcio.
  6. Tassa gara commisurata alla reali spese di organizzazione dei tornei e non in percentuale all’iscrizione. Gestione bilanciata delle entrate per garantire la copertura totale delle spese: il “Poker Sportivo 2.0” è “bravo in matematica” e tutto quel che “entra” in cassa serve per alimentare il progetto. I conti saranno sempre in pareggio e la parola “extra budget” non fa parte del vocabolario del poker sportivo.
  7. Em@ney è la carta d’identità del pokerista sportivo. Documento di riconoscimento, nonché tessera federale e strumento di pagamento attivo nei tornei F.I.G.P, questo strumento di fidelizzazione e sicurezza lanciato dall’Istituto di Moneta Elettronica Europeo rappresenta la compagna fedele del giocatore F.I.G.P. : l’Em@ney card è l’unica chiave per aprire le “porte” della Federazione ed entrar a far parte del mondo del poker sportivo.
  8. Syspoker come strumento di supporto alle attività dei club: il nuovo ed innovativo software lanciato dalla F.I.G.P. si occupa non solo della gestione di gioco nelle sale e del controllo delle attività dei club ma anche della creazione dell’interfaccia di un sistema di pagamento che consente di organizzare tutto il sistema di carte di debito disabilitate al bancomat. L’interfaccia pubblica di Syspoker, presente sul sito della F.I.G.P., mette a disposizione dei giocatori della Federazione, degli appassionati di poker e di tutti i curiosi, tutto il sistema di live scoring e di ranking provinciale, regionale e nazionale che vede coinvolti i players della F.I.G.P.
  9. Sport, agonismo, aggregazione, divertimento, amicizia, gloria, legalità: questi gli ingredienti fondamentali del “Poker Sportivo 2.0”
  10. Onora il poker e lo sport.