Home Dichiarazioni Ufficiali FIGP Campania, Marco Cicalese nominato all’unanimità Presidente Regionale Campano

FIGP Campania, Marco Cicalese nominato all’unanimità Presidente Regionale Campano

Si è tenuta ieri pomeriggio a Torre del Greco, in provincia di Napoli, presso l’A.S.D. “Club Pro La Tana delle Tigri” del presidente Pasquale Loffredo, l’assemblea costituente il Comitato Regionale FIGP Campania alla presenza del delegato regionale FIGP per la Campania Marco Cicalese, del Consigliere Nazionale FIGO Teodoro Attanasio, del Segretario Generale FIGP Riccardo Reina e dei rappresentanti delle A.S.D. affiliate FIGP. Alle ore 17:45 è avvenuto lo spoglio dei voti e la nomina all’unanimità di Marco Cicalese come Presidente Regionale della FIGP Campania mentre alle ore 18:00 si è proceduto con lo spoglio dei voti per la nomina dei 4 nuovi Consiglieri della FIGP Campania che ha visto l’elezione di: Salvatore Paparone, Vincenzo Di Maio, Giuseppe Monaco e Massimo Spagnuolo. I temi principali affrontati nel corso della riunione sono stati: la situazione attuale del Poker Sportivo 2.0″ in Campania, la presentazione del 1° Torneo Regionale in Campania che partirà a breve e la situazione generale del “Poker Sportivo 2.0″ in Italia dopo 7 mesi dal lancio del progetto. “Chi ben comincia è a metà dell’opera e questa rappresenta la fase più importante per il poker sportivo in Campania – ha affermato Marco Cicalese rivolgendosi ai rappresentanti delle A.S.D. presenti in sala – In questo periodo bisogna dare massima importanza alla comunicazione tra i rappresentati dei club ed i membri del Comitato Regionale soprattutto attraverso i Social Network necessari a far “risuonare” mediaticamente questo progetto e tutti dobbiamo essere bravi ad allargare l’informazione andando a trovare quei giocatori che non sono ancora a conoscenza dell’iniziativa della FIGP. Il vostro compito è anche quello di – continua Cicalese – supportare quelle associazioni sportive nuove o più piccole che hanno bisogno della vostra esperienza mentre il nostro compito è quello di coinvolgere il giocatore “nuovo” interessato all’aspetto agonistico e aggregativo del poker sportivo e non di coinvolgere il “vecchio” giocatore interessato solo al cash”. Cicalese, infine, si è soffermato sul 1° Campionato Regionale in partenza Campania: “Quello del primo regionale sarà un evento fondamentale per la nostra regione e a breve sarà pronta la locandina con il programma completo del torneo a cui va aggiunta una novità dell’ultima ora: le tappe di qualificazione per ogni A.S.D non saranno 3 ma 4″. A prender la parola, poi, è stato il Segretario Generale FIGP Riccardo Reina: “Il mio scopo, e quindi quello dell’intero vertice FIGP , è quello di educare il settore del poker live in Italia lavorando a 360 gradi principalmente a livello istituzionale: ultimamente sto facendo il giro di tutte le questure d’Italia per descrivere i nostro progetto direttamente a coloro i quali si occupano di far rispettare le leggi che, a loro volta, si stanno dimostrando fortemente interessati alla nostra iniziativa ed incuriositi dal nostro modo di educare i players diffondendo il concetto di poker sportivo sul territorio giocando “sotto” una Federazione che esige il rispetto di regole ferree. Questo aspetto conferma ancora una volta – sottolinea Reina -quanto il progetto “Poker Sportivo 2.0″ della FIGP possa avvalersi di base solidissime e quanto sia importante, per noi, vestire i panni del “maestro di scuola”: il nostro compito è quello di insegnare ai giocatori italiani come si può giocare a poker con iscrizioni accessibili ed, allo stesso tempo, divertirsi e competere con gli altri. E questo sarà possibile anche grazie all’aiuto dei presidenti delle A.S.D italiane. Il nostro obiettivo – conclude Reina – è quello di tornare indietro nel tempo a quel “poker giusto” che ci contraddistingue come “la differenza” nel panorama del poker live italiano. Noi siamo lo SPORT del poker e la nostra speranza è quella che anche chi adesso ci critica possa, un giorno, aderire al nostro progetto.”. Chiosa finale con Teodoro Attanasio: ” Grazie a nuovi strumenti quali Em@ney e Syspoker e grazie all’autoregolamentazione la FIGP riesce a dare e trasmettere sicurezza ai giocatori che aderiscono al “Poker Sportivo 2.0″ ma va anche sottolineata l’importanza dell’ASI, un referente molto importante che può far affidamento su enormi potenzialità”.

NESSUN COMMENTO